Adesso tocca alla Pr raccontarci...

Categoria: Raduni
Pubblicato Mercoledì, 23 Luglio 2014 16:34
Scritto da Fabio Barbagallo
Visite: 2703

 

 

 

LA 1^ EDIZIONE “ETNA SPRINT”

8° MEMORIAL NINO BARBAGALLO

05-06 luglio 2014

 

Il nostro primo evento “Etna Sprint” rievocativo del Memorial Nino Barbagallo, giunto alla sua ottava edizione, dopo una breve ed ininfluente pausa, organizzato in conformità al regolamento sportivo A.S.I., è stato denso di significati. Innanzi tutto, perchè legato alla rinnovata memoria del pilota, padre di Fabio, il cui ricordo è sempre vivo per coloro che lo hanno conosciuto e, per quanti non hanno avuto tale privilegio, ha rappresentato un'occasione per commemorare una persona che è stata apprezzata e amata. Indicativa la presenza della moglie sig.ra Susi Barbagallo, che ha consegnato un pregiato ricordo all'ospite più illustre.

In secondo luogo, il programma della manifestazione, iscritta all'interno del Calendario Nazionale A.S.I., è stato ricco ed entusiasmante, caratterizzato da versatilità ed estemporaneità, organizzato con cura in ogni sua parte anche dei dettagli, ma senza rigidi vincoli, con spazi di improvvisazione “ragionata”, di creatività e sguardo lungimirante.

La manifestazione ha rappresentato il ritorno di auto d'epoca lungo gli irti sentieri,tra l'intenso ed inebriante profumo delle ginestre dorate,di uno dei percorsi piu' affascinanti e paesaggistici che il vulcano offre,salendo tra i boschi per Piano Provenzana,nelle vicinanze del maestoso apparato eruttivo;quasi sfidando,ma come gli antichi con timore e rispetto,questa terra del Mongibello tra miti e leggende(e gia',e' quasi una fissazione titanica!...),dimora di Vulcano dio del fuoco e dei Ciclopi,che si estende tra architetture laviche di forme spettacolari,i cui boati ricordano davvero il rombo dei motori.La natura ed i suoi ritmi dischiudono paesaggi a perdita d'occhio:da Acireale alla magica Taormina,dall'incantevole baia di Naxos allo splendore della costa orientale.

Il vulcano in eruzione e' spettacolo grandioso ed affascinante con le sue stupefacenti fontane di fuoco e strabilianti disegni di uno sfondo di indefinibile bellezza.Le tracce di tutto cio' sono state ammirate presso la sede della Proloco di Linguaglossa,visitando la mostra delle pietre dell'Etna.

Le prove di abilita' degli equipaggi regolaristi hanno avuto inizio a Linguaglossa e poi a Piano Provenzana tra colori,odori e sapori(pochi dis-sapori tra coppie,per fortuna....),la rievocazione storica ha avuto seguito immersa in scenari che suscitano lo stupore di un Etna che vive in estate una magia tutta particolare.Il percorso sensoriale si e' concluso con sapori genuini e semplici della cucina tradizionale,tralasciando provvisoriamente Omero,Diodoro Siculo,Tucicide ,Virgilio e le loro cronache fantastiche.

 

L'edizione tuttavia ha avuto inizio il giorno precedente con la mostra statica delle nostre automobili storiche nella bella cornice di chiese,monumenti e luoghi successivi di Trecastagni,paese alle pendici dell'Etna.

La mostra fotografica "Trescatti a Trecastagni"  e' stata stimolante e divertente,ha visto cimentarsi soci e socie tra gli espositori del mercatino di antichita' e di vari articoli,anch'essi simpaticamente coinvolti.

Dilettanti ed amatori di fotografia hanno immortalato soggetti particolari e scorci originali all'insegna del puro divertimento.

La sera poi,presso l'hotel che ha ospitato gli equipaggi "esteri",dopo la cena,i cui piatti tipici sono stati peraltro apprezzati dal commissario Asi Michele Piracci,abbiamo avuto modo di essere intrattenuti dall'esilarante spettacolo di cabarte"Di giorno tesso...di notte stesso!" della compagnia Nuova Fermata Obbligatoria di cui fanno parte,oltre agli "storici",bravissimi,Nanni Battista ed il nostro Toti Finocchiaro, anche una eccezionale Lorena Iovane Barbagallo (si',proprio lei...la moglie del Pres il quale,senza aver faticato come e quanto gli attori,ha spudoratamente raccolto i complimenti degli spettatori)e i quatto valenti giovani esordienti.

Limpegno di tutti,dalla regia alle musiche,dai testi alle intuizioni estemporanee,e' stato lodevole.Ritornano ancora una volta miti,storia e leggende,con dei dell'Olimpo,Greci e Troiani che se le davano di santa ragione,Achille ed Ettore in inusitate vesti di paladini combattenti,Polifemo in inusitata veste di Donatello Nicosia ,suo padre dio Nettuno,Ulisse e le sirene,tutti infine a "Casa Penelope" tra Proci "particoleri" e figli "fumati".....e naturalmente Titani e Titanesse divertiti ed entusiasti,pronti a ritrovarsi allegramente per nuovi appuntamenti.

Un caro saluto a tutti i Titani e le  Titanesse.

Alla prossima!                       

                                               Maria Teresa Rizzarelli Randazzo

                                            Socia incaricata alle Pubbliche Relazioni